La Befana a Verona

vecia-verona.jpgSmaltiti (o quasi) i bagordi di cene e cenoni, salutiamo questo piacevole periodo di vacanze con l’Epifania “.. che tutte le feste si porta via”.
E il momento clou e più simbolico a Verona è certamente il “rogo della vecia“, ovvero un manufatto alto una decina di metri che verrà bruciato in piazza Brà. Il rito ha radici nelle antiche tradizioni popolari, con un significato propiziatorio nei confronti del nuovo anno.Si inizia domani alle ore 18 e lo spettacolo è aperto a tutti.

Altro appuntamento del 6 gennaio è la Befana del Vigile, nata nel dopoguerra e ripresa nell’ultimo decennio. Di cosa si tratta? E’ un evento dalla doppia valenza: da un lato raccogliere generi alimentari per i più bisognosi (sul “taolon dei pitochi”) dall’altro ringraziare la polizia municipale per il servizio e la disponibilità. A tutto questo si aggiungerà un auto raduno tra piazza Brà e piazza San Zeno.

 

Epifania a Verona

Epifania, e tutte le feste si porta via: i proverbi popolari non sbagliano mai.

A Verona il momento più caratteristico del 6 gennaio è il Brusa la Vecia in piazza Brà: la vecia (“vecchia”) al rogo, a pochi passi dall’Arena, sarà alta quasi 10 metri e ricorderà gli antichi riti propiziatori per augurarsi un felice anno nuovo.

L’appuntamento è alle 17.30 ma il tutto verrà accompagnato da musiche, spettacoli e animazioni per chiudere, al meglio, questo lungo periodo di feste. Che altro aggiungere? Buona Epifania a tutti!