I piatti tipici di Verona: gli gnocchi

 

img virgilioblog.jpgEcco il secondo post dedicato ai piatti tipici veronesi: gli gnocchi di patate. Si tratta di un piatto caratteristico del Carnevale veronese, la cui origine risale al 1531 quando dopo una grave carestia che colpì soprattutto il quartiere popolare di San Zeno (ora al contrario è uno dei più “ricchi”), per riportare la calma il Consiglio Cittadino fece distribuire al popolo, l’ultimo venerdì prima della quaresima, pane, vino, burro, farina e formaggio. Da questi ingredienti base nascono gli gnocchi.

Ingredienti:
1 kg di patate a pasta farinosa
1 uovo intero
300 g di farina 00
sale q.b

Per preparare gli gnocchi bisogna lavare e lessare le patate in acqua bollente, sbucciarle e passarle al setaccio; queste ultime vanno impastate assieme alla farina (precedentemente arricchita con l’ uovo e il sale). L’impasto va lavorato fino a che non è soffice aiutandosi con la farina per non farlo attaccare al piano, a questo punto serve formare dei piccoli filoncini di pasta alti un paio di centimetri che poi vanno tagliati in tanti pezzetti. A questo punto, si possono abbellire i pezzettini passandoli sul retro della grattuggia per “farli a puntini”. Infine versarli in acqua salata portata all’ ebollizione e pescarli appena emergono in superficie.

 

 

I piatti tipici di Verona: gli gnocchiultima modifica: 2011-12-12T16:40:06+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento