Multato chi fa musica in piazza

img virgilioblog.jpgVenerdì è successo a Bardolino, ma quante volte è successo che in centro a Verona venga proibito di suonare all’aperto, in strada o nelle piazze? La cosa non riguarda ovviamente le manifestazioni organizzate e autorizzate, ma gli artisti di strada. I punti di vista sono ovviamente diversi, c’è il turista, ci sono i giovani, i passanti, gli appassionati di musica, ma anche i difensori della “quiete pubblica”. Penso che in un paese come il nostro, dove l’arte è (o dovrebbe essere) una delle cose più importanti e distintive, vietare (e multare) di esprimere liberamente qualcosa in forma musicale in strada è grave. D’accordo, in certi orari del giorno e della notte la “quiete pubblica” è più importante ed è giusto salvaguardare il diritto di chi vuol dormire, ma senza musica la vita è molto più triste, vietarla è un pò come vietare alle persone di essere un pò più felici e di questi tempi mi sembra si debba fare il contrario. Cosa ne pensate?