One Direction a Verona: corsa ai biglietti…c’è ancora possibilità!

One direction VeronaSe un concerto degli One Direction è già di per se uno degli spettacoli più incredibili a cui si possa assistere di questi tempi, immaginate come possa essere l’esperienza di assistere alla performance del gruppo inglese all’interno del tempio italiano della musica, l’Arena di Verona. Fantascienza? No, realtà. Sarà infatti proprio il teatro della città scaligera lo scenario della prima data italiana del “Take Me Home Tour” degli One Direction, la tournée dei record che dallo scorso febbraio e fino al prossimo novembre ha portato in giro per il mondo la musica del quintetto inglese.

A Verona è previsto l’assalto da parte di fans attesi da tutto il resto dello stivale, e per questo è già scattata la caccia al biglietto che consentirà di essere parte di questa occasione unica di musica internazionale nello scenario dell’Arena: compra i biglietti per gli One Direction a Verona, per non perdere l’occasione di essere presente a questo grandioso spettacolo che passerà per oltre 50 città in giro per il mondo con buona parte di date già completamente sold-out!

Al momento sono ancora disponibili pochi tagliandi in gradinata non numerata, gradinata numerata ed in platea, ma c’è da scommettere che, con l’avvicinarsi della tanto attesa data, i biglietti disponibili saranno sempre meno, ma sei ancora in tempo per comprare i biglietti per i concerti di Ticketbis, il sito di compravendita di biglietti online veloce e sicuro. Subito dopo la data a Verona, il successivo 20 di Maggio, il “Take Me Home Tour 2013” degli One Direction si sposterà a Milano al Mediolanum Forum di Assago per l’ultima tappa italiana.

Ecco la scaletta dei brani prevista per il concerto scaligero:

  • Up All Night
  • I Would
  • Heart Attack
  • More Than This
  • Love You First
  • One Thing
  • C’mon, C’mon
  • Change My Mind
  • One Way Or Another (Teenage Kicks)
  • Moments
  • Back For You
  • Summer Love
  • Over Again
  • Little Things
  • Teenage Dirtbag
  • Rock Me
  • She’s Not Afraid
  • Kiss You
  • Live While We’re Young
  • What Makes You Beautiful

Il Colognese sarà zona agrituristica

img virgilioblog.jpgLa zona del Colognese, a est di Verona ha sempre avuto una vocazione per il settore agrituristico, da oggi è stato fatto un passo avanti per promuovere ancora di più quest’area in maniera coordinata, facendo sistema tra i vari paesi che ne fanno part (San Bonifacio, Arcole, Zimella, Veronella, Cologna Veneta, Pressana e Roveredo di Guà).

La Giunta regionale infatti ha approvato il bando di attuazione per lo sviluppo dell’ospitalità agrituristica relativo al Progetto Integrato d’Area Rurale “04 – Del Colognese”. Questi parternariati pubblico-privati nascono con lo scopo di elaborare, promuovere e dare attuazione a specifiche strategie di sviluppo locale attraverso appositi Progetti Integrati d’Area. L’obiettivo è dunque quello di sviluppare l’ospitalità agrituristica, migliorare i servizi offerti e infine creare nuove aziende agrituristiche.

Multato chi fa musica in piazza

img virgilioblog.jpgVenerdì è successo a Bardolino, ma quante volte è successo che in centro a Verona venga proibito di suonare all’aperto, in strada o nelle piazze? La cosa non riguarda ovviamente le manifestazioni organizzate e autorizzate, ma gli artisti di strada. I punti di vista sono ovviamente diversi, c’è il turista, ci sono i giovani, i passanti, gli appassionati di musica, ma anche i difensori della “quiete pubblica”. Penso che in un paese come il nostro, dove l’arte è (o dovrebbe essere) una delle cose più importanti e distintive, vietare (e multare) di esprimere liberamente qualcosa in forma musicale in strada è grave. D’accordo, in certi orari del giorno e della notte la “quiete pubblica” è più importante ed è giusto salvaguardare il diritto di chi vuol dormire, ma senza musica la vita è molto più triste, vietarla è un pò come vietare alle persone di essere un pò più felici e di questi tempi mi sembra si debba fare il contrario. Cosa ne pensate?

Bloccati i progetti per le ex officine Adige

img virgilioblog.jpgAssieme alla riqualificazione di Verona sud, l’area delle officine Adige avrebbe dovuto essere soggetto di interventi nei prossimi anni. In questa zona dovrebbe essere realizzato il World trade center Adige City.

Non se ne parla da parecchio tempo, ma già il 30 marzo scorso il progetto era stato bloccato da una decisione della commissione provinciale. Il problema principale per tutti questi piani di recupero è la gestione della viabilità, oltre alla capacità edificatoria sovradimensionata di 10mila metri quadri rispetto a quanto aveva approvato dal Consiglio comunale. Tutti i progetti che riguardano Verona sud infatti aumenteranno di molto il traffico, ma non è ancora stato previsto abbastanza per arginare il problema.

Non si farà più il casello dell’aeroporto Catullo

img virgilioblog.jpgDa anni la società Autobrennero ha pronti 15 milioni di euro che sarebbero stati destinati alla costruzione di un nuovo casello autostradale sulla A22, però Provincia, società aeroportuale e Comune di Villafranca, hanno preso insieme una decisione condivisa, quella di eliminare dalla programmazione questo progetto chiedendo all’Autobrennero di investire questi 15 milioni per un casello più a sud, in zona Vigasio dove sorgeranno due opere che porteranno molto più traffico e per le quali le emergenze viabilità vanno affrontate prima per non trovarsi impreparati quando saranno realizzate. Si tratta dell’autodromo Motorcity e del District Park, per ora solo sulla carta, ma già approvate. L’aeroporto ha replicato che in base ai suoi programmi il casello non era così necessario e che comunque Verona Nord si trova a soli 5 km da lì. 

Nuovo progetto per piazza Corrubbio

img virgilioblog.jpgIn maggio il primo progetto di riqualificazione di piazza Corrubbio non era piaciuto molto all’opinione pubblica. Ora ne arriva uno nuovo accolto con più entusiasmo e già approvato dalla giunta comunale. Per prima cosa non è più prevista la pavimentazione sintetica, al suo posto il porfido, come le vie più belle del centro storico. E’ previsto più verde e distribuito in modo diverso, verranno piantati alberi ad alto fusto per creare più ombra sia nelle aiuole che nella striscia di erba che costeggia l’entrata del parcheggio sotterraneo. Dal progetto iniziale viene eliminata la fontana che era stata accolta da subito in modo freddo da commercianti e residenti perchè inutile, rumorosa, brutta e inopportuna. Se i programmi saranno rispettati la piazza e il parcheggio saranno pronti per l’8 di dicembre.

L’arena si prepara al centenario dell’opera

img virgilioblog.jpgNel 2013 saranno 100 anni che il festival della lirica si tiene “quasi” ogni anno in arena. Il quasi è d’obbligo perchè durante le guerre mondiali il festival areniano non si è svolto regolarmente come al solito.

I preparativi per la prossima stagione sono già in atto e la programmazione per il teatro filarmonico e il programma invernale sono già conclusi.

La stagione lirica inizierà il 14 giugno 2013 con una nuova versione dell’Aida e l’ultima serata sarà l’8 settembre. Nel programma ci sono ben 58 date, 8 in più rispetto a quest’anno, inoltre ci saranno anche una serie di eventi collaterali e il primo di giugno ci sarà l’ormai consueto Galà della lirica in diretta televisiva sulla Rai.

Aspettando il 2013, già da venerdì avrà inizio la stagione estiva 2012. 

Apre il museo della Lirica

img virgilioblog.jpgIl 22 giugno 2012 verrà inaugurato il Museo della lirica, il primo al mondo interamente dedicato all’opera.

Il museo si chiamerà Amo, acronimo di “Arena-Museo-Opera” in collaborazione con l’Archivio Ricordi che vanta nella sua collezione molte partiture dei più grandi compositori di opere di tutti i tempi e che ne fanno il più importante archivio al mondo nel genere.

Il Museo sarà suddiviso in sette sezioni e 15 sale i cui materiali racconteranno la genesi di un’opera, dalla partitura alla messa in scena; l’allestimento sarà completato l’anno prossimo, in occasione del centenario dell’Arena di Verona.

Nel frattempo ci si prepara ad affrontare una stagione lirica che promette bene, anche dal punto di vista economico e che quest’anno prevede il debutto assoluto in 99 anni di storia del festival lirico in Arena di due opere: il Don Giovanni e Mozart.

Arrivano gli autovelox in tangenziale

img virgilioblog.jpgSulla tangenziale Nord di Verona, poco prima dell’ingresso in centro è stato installato il primo rilevatore di velocità fisso. Si tratte delle ben visibili colonnine arancione che si trovano spesso nei centri abitati.

Nei primi giorni di test sono stati fotografati un’ottantina di veicoli molti dei quali hanno superato i 100 chilometri orari nonostante il limite in quel tratto sia di 70kmh. Superando di oltre 10 kmh il limite la sanzione minima è di 159 euro, inoltre chi ha superato questo limite dovrà comunicare il nome del conducente alla Polizia municipale per la decurtazione di tre punti falla patente. Nel frattempo la settimana prossima verranno controllate anche le seguenti strade: corso Venezia, via Unità D’Italia, via Palazzina, via Legnago, via Vigasio, stradone Santa Lucia; a queste si aggiungono le postazioni fisse in tangenziale Nord–direzione centro, via Bonfadio, via Lugagnano e via Bassone.

Nel tratto di tangenziale Nord “incriminato” spesso le auto superano il limite di velocità, questo è di sicuro un ottimo sistema per migliorare il comportamento degli automobilisti, ma di sicuro un ottimo modo di fare cassa per il comune.

Straverona 2012

img virgilioblog.jpgSi è conclusa oggi la Trentesima Edizione della Straverona dopo due giornate di gara, la prima con la gara dei ragazzi, una minicittadina dedicata esclusivamente agli under 14 svolta interamente nella principale piazza di Verona, piazza Bra.

Oggi, Domenica per chi legge, sono arrivati 20 mila partecipanti che hanno partecipato alla gara principale e che oltre a contribuire alla tradizione sportiva veronese per questo evento sempre molto popolare hanno anche  contribuito ad aiutare le popolazioni terremotate emiliane. Infatti, una grande cassa di legno sigillata ha raccolto in queste giornate i contributi che tutti, dai podisti ai semplici passanti hanno devoluto in beneficenza. 

Come nelle altre edizioni è stata una festa che ha riempito il centro di famiglie e sportivi.